Pensieri, 1

Non si può portare nulla senza carità. Non si può sopportare nemmeno noi stessi, se non è per carità verso se stessi. È un atto della volontà, una serie interminata di atti della volontà. Che volontà? Di obbligarsi a guardare e ammettere che in tutto e in tutti – sfigurato quanto si vuole – si riflette l’immagine di Dio. Se gratto la maschera che cosa trovo, il bene o il male? È il buon vivere una sovrastruttura che copre la sporcizia o è la sporcizia che copre la natura? In vino veritas? Quando perdiamo l’ordine e le strutture che cos’è che si mostra al mondo: il vero me stesso o la mia versione sfigurata?  

(© Daniele Gigli – Condivisione autorizzata a fini non commerciali citando la fonte)

Una risposta

  1. Stupenda intuizione del vero:
    atto di carità.
    Lo accetto volentieri in dono perché anch’io, ogni giorno, chiedo la carità e misteriosamente mi viene fatta, ogni volta.
    Disperare? No, mai: per carità!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: