Dove sono i poeti di guerra

(Una poesia di Cecil Day Lewis del 1943, Where are the War Poets?)

Quelli che per pazzia o per pura brama
fecero schiavi leggi mercati e religione
prendono in prestito la nostra lingua adesso
e impongono parole «per la libertà».

È la logica dei nostri tempi,
senza soggetti per versi immortali –
che a noi che vivemmo di sogni sinceri
ci tocchi difendere il male dal peggio.

(© Daniele Gigli – Condivisione autorizzata a fini non commerciali citando la fonte)